News

Si sente sempre più spesso parlare di zootecnia di precisione. Ma cosa vuol dire esattamente e che vantaggi porta all’allevamento del suino?

“Affettati vegetali”, cosa sono? In cosa si differenziano dai veri salumi di carne? E soprattutto, è vero che sono meglio per la salute?

Secondo i dati dell’Efsa, la PSA ha subito un arresto in Europa nel corso dello scorso anno. In Italia la situazione però è diversa, e non bisogna abbassare la guardia. Anzi, è tempo di provvedimenti seri.

Un nuovo studio FAO riconosce l’importanza dell’allevamento nei sistemi alimentari sostenibili.

Le eccellenze della salumeria italiana come il prosciutto di Parma e il San Daniele sono a rischio estinzione! Assosuini e Associazione Veneta Allevatori segnalano le criticità del circuito tutelato DOP.

Lo svezzamento è una delle fasi più importanti della vita di un suino. Vediamo come si può farla attraversare al meglio ai suinetti, aumentando il benessere animale e riducendo ulteriormente l’eventuale uso di antibiotici.

Gira da qualche tempo su social media e TV la notizia del Pig Palace, mega allevamento di maiali in Cina che, però, non ha niente a che fare con gli allevamenti suinicoli italiani.

Gli allevamenti suinicoli sono molto importanti nella produzione di biogas e biometano, grazie alla valorizzazione dei reflui zootecnici, che diventano così una risorsa importante.

La disinformazione sugli allevamenti sul servizio pubblico arriva anche da coloro da cui non te lo aspetti: questa volta tocca a Roberto Burioni, noto per le sue ferme posizioni contro le chiacchiere da bar. Come le sue a “Che tempo che fa”.

Le vere origini delle emissioni di particolato e micro-polveri non sono da ricercare negli allevamenti, ma nel settore di industria e trasporti.

Il numero di cinghiali è in continua crescita e non si arrestano i danni all’agricoltura provocati dalla loro diffusione mal gestita. Lo rivela una analisi sulla diffusione della specie effettuata dall’ISPRA.

La Direttiva sulle Emissioni Industriali dell’UE (IED) potrebbe colpire tre volte più allevamenti suinicoli del necessario rispetto a quanto calcolato in precedenza, a causa di stime fatte su dati obsoleti del 2016.

Dopo gli aumenti dei costi di produzione, un’altra stangata per gli allevatori. Questa volta si tratta dell’IVA, che da regime speciale è tornata a regime ordinario.

In ambito agroalimentare, è necessario che ciascuno esca dai propri schemi e ci si renda conto che bisogna davvero cominciare a parlare di filiera.

In questa lettera aperta a Presidente del Consiglio, Ministeri competenti e Regioni, Assosuini fa l’ennesimo appello affinché si intervenga con urgenza per ridurre il pericolo PSA, Peste Suina Africana.

La Peste Suina Africana (PSA) non sembra volersi fermare, e rischia di trasformarsi in una catastrofe annunciata. Per affrontare il problema, è stata recentemente presentata un’interrogazione parlamentare.

Girano molte notizie, più o meno corrette, sulla questione delle emissioni di polveri sottili dovute agli spandimenti di liquami zootecnici sui campi agricoli in inverno. Vediamo cosa succede in Spagna, e in Lomabrdia.

L’impegno ripaga sempre. Lo dimostrano i traguardi raggiunti dal comparto suinicolo, che negli ultimi 50 anni hanno portato ad allevamenti più sostenibili per l’ambiente.

I salumi vengono definiti come “carni processate” o “carni lavorate”, ma sono ben distinti dalla categoria dei cibi “ultra-processati”, che invadono gli scaffali dei supermercati.

In occasione del 5 febbraio, la giornata nazionale contro lo spreco alimentare, è giusto ribadire che i salumi sono in prima fila …